I social media e il personal branding: come promuoversi sul web

Ecco tutte le “dritte” su come sfruttare i principali social network per diffondere le proprie competenze e professionalità, diventando esperti di settore.

I social network nascono come strumento rivolto alle persone, di cui con il tempo si sono impossessati anche i brand, facendone uno degli strumenti principali di strategie di marketing online. In realtà, però, i social network possono continuare a essere utilizzati dai singoli utenti per fare personal branding, trasformare se stessi in un brand da promuovere e far conoscere attraverso gli strumenti del web.

Tra l’altro sono moltissimi gli esempi di persone che da semplici utenti sono diventati dei veri e propri marchi, pensiamo ad esempio a ClioMakeUp, una YouTuber come tante altre che grazie a bravura e costanza è riuscita a ottenere grande visibilità e a diventare un vero e proprio marchio.
L’infografica che presentiamo, realizzata da Launch Yourself Now e da Boot Camp Digital, spiega come utilizzare ogni social network, fra quelli più famosi e diffusi, per il personal branding.

Facebook: su Facebook, a seconda delle impostazioni sulla privacy che sono state scelte, chi non fa parte dei tuoi contatti può conoscere alcune cose di te e del tuo profilo. Fai in modo che tali cose appaiano sempre molto professionali. Ricorda anche che la foto del profilo e l’immagine di copertina sono sempre visibili, quindi sceglile bene.

Twitter: su Twitter devi seguire gli utenti che appartengono al tuo settore, retwittare i loro tweet e twittare i contenuti dei loro blog. In questo modo di sicuro verrai notato, non solo da loro, ma anche dagli altri utenti con i tuoi stessi interessi.

YouTube: se crei video che contengono informazioni e consigli puoi cominciare a diventare una risorsa utile per gli altri utenti, che sicuramente ti seguiranno e si ricorderanno di te.

WordPress: oltre a essere una piattaforma popolare per blog, è anche il CMS più diffuso al mondo. Utilizzato ormai per la creazione di siti web, anche molto complessi, rimane uno strumento che anche un neofita del web può approcciare per creare il proprio portfolio, con curriculum vitae e presentazione. Quale sito, meglio del tuo, può presentarti?

LinkedIn: è il social network professionale per eccellenza, qui bisogna curare molto la compilazione del profilo, inserendo tutti i propri skill, cercando segnalazioni e conferme di competenze. Come per gli altri social network puoi decidere di seguire le aziende che più ti interessano, pubblicare aggiornamenti, condividere quelli altrui. Un altro modo per ottenere visibilità su LinkedIn è partecipare attivamente a gruppi inerenti al settore di appartenenza, in maniera da entrare in contatto diretto con altri professionisti.

Instagram: come per Twitter devi utilizzare gli hashtag, per individuare chi potrebbe gravitare intorno al tuo settore, e cominciare a seguirlo, commentare le sue attività e condividerle.

• SlideShare: è un altro social dove puoi mettere in evidenza le tue competenze, creando slide su argomenti in cui sei molto ferrato puoi confermare ulteriormente le tue capacità.

• Google Plus: oltre al fatto che su GooglePlus si possono trovare esperti in molti settori, puoi anche decidere di entrare in una community e partecipare attivamente, per farti notare e per conoscere colleghi o potenziali clienti. Non solo, grazie a Google Plus puoi attivare la famosa authorship sul tuo sito web o in qualsiasi altro blog per scrivi.

Pinterest: su Pinterest devi essere attivo per emergere, devi commentare, pinnare, repinnare per mostrare quanto sei appassionato e quanto ami ciò che fai.

Blog: se hai creato il sito con WordPress puoi attivare anche un blog, scrivendo contenuti di qualità, utilizzando un po’ di SEO e condividendo il tutto sui social network che abbiamo appena elencato potresti ottenere un discreto seguito, oltre che una discreta autorevolezza nel tuo settore.

fonte: PMIservizi

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply