#SocialFactor: quali sono i concorrenti più social di XF9

Domina la squadra di Fedez, male quella di Skin. Tra gli Over emerge Giò Sada, fra gli under uomini occhio a Luca

Di Luca La Mantia

La notizia della serata, oltre all’eliminazione del “cowboy italiano” (come l’ha affettuosamente ribattezzato Skin), è che Elio ha aperto un profilo Twitter personale – sinora aveva solo quello della sua band – che poco tempo, a fronte di un solo tweet, si è beccato oltre 30mila follower. Non male per il giudice ritornato dopo un anno sabbatico.

Per il resto la “prima” del live di Xfactor 2015 ha avuto il solito, prevedibile, successo social con gli hashtag #XF9 e #xtra9 (dedicato all’Extra Factor condotto dalla formidabile Mara Maionchi) rimasti per ore tra i topic trend. Freddini la maggior parte dei concorrenti che nonostante la vocazione web del programma cui partecipano non spiccano il volo sulle nuove piattaforme di comunicazione. Consiglio ai produttori: non sarebbe opportuno, corde vocali a parte, selezionare le aspiranti star anche in base alla loro collocazione social?

ELIO TEAM

DAVIDE – Siciliano di nascita ma londinese d’adozione. La sua perfomance ha “spaccato” (per dirla alla Skin maniera). Eppure sui social Sciortino fa poco più del compitino. Assente su Twitter ha solo un profilo Facebook con 6.453 amici. A almeno un canale Youtube ma il numero di iscritti (488) e delle visualizzazione (poco più di 14mila) non è ancora all’altezza del palcoscenico di XFactor. Per noi è no.

GIO’ SADA – Il più convincente sul palco con una straordinaria interpretazione degli “Who”. E fa molto meglio del compagno di team
davide sui social network, anche se i numeri non sono ancora entusiasmanti. Il profilo Twitter registra più di 400 follower e 51 tweet. Quello di Facebook 6.820 amici. Buoni risultati sul canale Youtube che conta 1.206 iscritti e poco meno di 50mila visualizzazioni. Per noi è sì.

MASSIMILIANO – Massimiliano non ha l’XFactor e nemmeno il SocialFactor. Nessun profilo Twitter, meno di 5mila amicizie su Facebook e un canale Youtube con 89 iscritti e circa 7mila visualizzazioni. Eliminato dal pubblico e da noi.

MIKA TEAM 

LUCA – Occhio a questo 17enne romano, dietro la faccia da bravo ragazzo innamorato della sua “pischella” si nasconde un possibile fenomeno. E’ giovane e, infatti, sa come vendersi sui social. Ha tweettato 2.841 volte guadagnando 1.596 follower, su Facebook ha una pagina che conta 12.088 fan. Ha aperto da poco il canale Youtube acquisendo quasi 2mila iscritti e circa 7mila visualizzazioni. Agnese (la fidanzata) sei avvertita: Luca sa quello che vuole. Per noi è sì.

LEONARDO – Il parrucchiere che sogna di fare il cantante dovrà impegnarsi di più se vuole realizzare i suoi sogni. Male su Twitter (23 tweet e 581 follower). Leggermente meglio su Facebook (la sua page ha ottenuto quasi 7mila like). Il canale Youtube, aperto da due anni, ha guadagnato appena 255 iscritti e non ha postato ancora un video. Poco convincente, come la prestazione di ieri. Per noi è no.

EVA – Si salva sul gong e ora sappiamo anche perché. Sui social Eva non spacca. Basti guardare al suo profilo Twitter, che ha ottenuto solo 217 follower ed ha postato contenuti appena 12 volte. Su Youtube non ha nemmeno un canale. Graziato da Fedez ma eliminato da noi.

SKIN TEAM

MARGHERITA – Ha sorpreso piacevolmente per la personalità mostrata sul palco. Margherita, nonostante la giovane età, sa quello che vuole e sa come raggiungerlo. Sui social è la migliore della sua squadra anche se non eccelle. Per quanto riguarda Twitter ha 1.244 follower ma solo 79 tweet. Vola, invece, su Facebook. La sua page fan ha ben 16.340 like. A questa si aggiungono una serie di pagine non ufficiale che rendono più ampia la platea di sostenitori virtuali. Peccato per la grave assenza su Youtube, una come lei non se lo può permettere. Per noi è sì, ma risicato.

ENRICA – Bella voce, bella perfomance, bella ragazza, bello tutto, ma… I social? Scadenti le sue prestazioni su Twitter: sinora ha postato un solo contenuto e non ha nemmeno un’immagine del profilo. Cliccando sul link si arriva al suo canale Youtube dove è stato caricato un solo video in cui la si vede cantare sotto la doccia (senz’acqua e vestita home style) “One & One” di Adele. Su Facebook ha circa 3.800 fan. Così non si va da nessuna parte. Per noi è un super no.

ELEONORA –  Ha diviso il pubblico con le sue prestazioni al limite dello sgraziato ma prorompenti. La madre ha detto che quando sale sul palco “si trasforma”. Peccato che sui social non metta la stessa grinta. Su Twitter c’è un profilo omonimo che potrebbe essere il suo ma, in assenza di contenuti e di un’immagine del profilo, è impossibile capire se sia davvero lei. Su Facebook ha poco meno di 7mila fan. Assente su Youtube. Male male. No anche per lei.

FEDEZ TEAM

MOSEEK – Da Velletri con furore. Ancora poco convincenti sul piano canoro (il sound invece va che è una meraviglia) i Moseek sono presenti su tutti i social analizzati. Su Twitter hanno tweetato 346 volte e ottenuto poco meno di 700 follower. Buone prestazioni su Facebook, con una pagina fan ufficiale da 16mila e 300 “mi piace”. Scarsi su Youtube: il canale c’è ma ha solo 585 iscritti e pochi video postati. Per noi è sì ma potrebbero fare di meglio, non solo sul palco.

LANDLORD – Sono stati, a nostro avviso, la band che ha cantato peggio e anche sui social vanno decisamente male. Sono presenti solo su Facebook con una pagina fan da poco più di 6.700 like. Su Youtube hanno un canale con 478 iscritti e un solo clip postato, che almeno ha guadagnato 18.216 visualizzazioni. No, no e no.

URBAN STRANGERS – I migliori, sul palco e online. Il profilo Twitter ha postato contenuti più di 230 volte e questa attività gli è valsa 4,537 follower. Nei contenuti sono molto attenti a indicare dove e quando terranno un concerto. La pagina Facebook segna 24.808 fan. davvero niente male per questi due giovincelli campani. Super prestazioni su Youtube: il loro canale conta più di 6.700 iscritti e nonostante i pochi video pubblicati segna quasi 400mila visualizzazioni. Questi sì che hanno il Social Factor.

 

 

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply