Marino si dimette tra cene a sbafo e scomuniche papali

di Luca La Mantia e Guido Petrangeli 

Tempi duri per Ignazio Marino. Non bastava il degrado di Roma, i suoi viaggi ai Caraibi e la “scomunica papale” che lo ha bollato come un “imbucato” all’incontro con le famiglie a Filadelfia. Dopo lo scandalo dell’uso delle carta di credito comunale per cene di rappresentanza la sua reputazione è arrivata al minimo storico.

TWITTER

Dopo l’apertura dei quotidiani online con le possibili dimissioni del sindaco di Roma, #Marino è balzato al primo posto nella classifica degli argomenti più discussi nella twittersfera, con una media di circa 3532 messaggi all’ora. I principali influencer che hanno portato Marino ad entrare nella topic trend intaliana sono risultati Skytg4 (1,901.962 follower), La Repubblica (1854178 follower) ed il Fatto Quotidiano (1223018 follower). Tra questi il più attivo è stato La Repubblica con 8 Tweets dedicati all’argomento. Il sentiment della rete è stato nettamente negativo: la parola più ricorrente associata all’hashtag #Marino è stata “dimissioni”. I personaggi politici più popolari su twitter che hanno twettato su #Marino sono stati Alessandro Di Battista (98700 follower) e Maurizio Gasparri (68337).

Su Twitter gli hashtag #Marinoimbucato, #marino e #filadelfia hanno spopolato tra il 29 e il 30 settembre diventando virali non solo tra gli utenti di Roma ma anche su quelli di tutta Italia. Marino, da parte sua, ha dedicato solo due cinguetii al tema. Nel primo si dice stufo della stampa che alimenta polemiche “che non fanno altro che danneggiare la nostra città”. Nell’altro ringrazia il sindaco di Filadelfia per l’invito. Un modo per tentare di riacquistare credibilità. In totale guadagna una novantina di retweet, pochi rispetto alle decine ottenute dalle notizie che riguardano le parole del Papa e di Mons. Paglia. Il Tweet più virale su #marinoimbucato è stata una vignetta satirica  di Vauro Senesi

FACEBOOK

Su Facebook Marino ha provato a difendere la sua Web Reputation pubblicando un video in cui si dice pronto a restituire al comune i 21mila euro spesi per “rappresentanza”. Il video in questione ha ottenuto un notevole livello di coinvolgimento tra gli utenti di Facebook: 3985 mi piace, 1476 condivisioni e 2029 commenti. Il sentiment della rete si spacca in due,  tra chi difende il sindaco, invitandolo ad andare avanti e chi invece non ne vuol sapere più e chiede a gran voce le dimissioni.

Sempre su su Facebook Marino ha postato  un video in cui si lamenta della domanda rivolta a Pontefice “per alimentare polemiche”. A parte pochi commenti di sostegno il trend è sostanzialmente negativo. Molti criticano il Sindaco per la gaffe, altri gli chiedono polemicamente di far sapere chi ha pagato il viaggio in America visto che la municipalità di Filadelfia ha smentito di averlo spesati, altri infine colgono l’occasione per lamentarsi dell’assenza del primo cittadino nei giorni in cui il traffico della metro è paralizzato dal crollo di un controsoffitto nella stazione Spagna della linea A.

GOOGLE

Nei giorni caldi delle “Marinate” sono usciti sul conto del sindaco una media di circa 129.000 notizie su Google News. A partire dal 28 settembre, giorno in cui le parole del Pontefice sul mancato invito sono diventate virali, le ricerche su Google sono cresciute a dismisura. Per calcolare il volume di search Google utilizza una scala di misura che va da 1 (minimo) a 100 (massimo). Lunedì scorso si è passati rapidamente dai 3 iniziali (quando la notizia ancora non era stata diffusa) agli 87 delle 13.30, fino ad arrivare ai 100 delle 20.30. Il dato orario non va sottovalutato visto che si tratta dei momenti in cui normalmente gli italiani guardano il telegiornale. Questo vuol dire che, una volta appresa la notizia del mancato invito del Papa, centinaia di migliaia di utenti si sono collegati su internet per cercare approfondimenti e guardare il video. Le ricerche su google si sono mantenute ad alto livello anche nei giorni in cui è scoppiato l’affaire delle spese per le cene di rappresentanza.

 

Marino e le sue cene

 

 

Il sindaco riesce ad imbucarsi anche all’ultima cena…

 

 

Il Tweet più virale su #marinoimbucato è stato quello di Vauro Senesi

 

 

 

Marino conosce gente

 

 

Marino invitato direttamente da Giuseppe Garibaldi

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply