L’uomo che vuole conquistare l’India a colpi di social

Narendra Modi, leader del partito nazionalista, è il favorito per la presidenza del Paese. Nella sua campagna elettorale i social media stanno svolgendo un ruolo determinante

di Luca La Mantia (@lullo82)

L’India è chiamata al voto per decidere il suo destino. Il paese (il più popoloso del pianeta dopo la Cina) dovrà scegliere tra Raul Gandhi, candidato del laico Partito del Congresso, e Narendra Modi, leader degli induisti nazionalisti. Il mondo attende i risultati temendo un’affermazione di Modi che potrebbe spingere l’India sul baratro del fanatismo religioso con gravi ripercussioni per la convivenza con le minoranze, in particolare quella musulmana, e i rapporti con il Pakistan. Modi è il favorito, grazie ai una campagna elettorale svolta energicamente in tutta la nazione asiatica e che fa dei social network uno dei suoi punti di forza, come dimostra la nostra indagine.

TWITTER

Dati base

I dati base ci danno una prima idea dell’immenso bacino elettorale potenziale di Narendra Modi e della sua grande capacità di cavalcare i social media per attrarre consenso. Il leader nazionalista ha un profilo certificato che ha raggiunto quota 3.707.620  follower. Un’enormità. Basti pensare che i profili seguaci (circa 1,7 milioni) dell’account italiano di papa Francesco non arrivano nemmeno alla metà di quelli del politico indiano. I tweet inviati sono, ad oggi, 4.534, con una frequenza di 0,6 tweet l’ora e 15,3 al giorno.

Interazione

Alto anche il dato dell’interazione passiva. Nelle ultime 24 ore il profilo di Modi è stato ricercato in 200 tweet inviati da circa 181 utenti diversi. Potenzialmente, dunque, il candidato induista viene contattato in circa 1.400 tweet la settimana.

Modi è meno interessato a cercare un rapporto diretto con i suoi follower. L’interazione attiva, infatti, ci parla di soli 15 utenti (di cui 11 unici) menzionati dal politico nelle ultime due settimane.

Retweet

Oltre al numero di follower il più importante indicatore di popolarità sono i retweet, cioè le condivisioni dei tweet inviati da un profilo. Qui la mole dell’elettorato potenziale di Modi torna a farsi sentire: 195 dei suoi ultimi 200 tweet sono stati retweettati 104.883 volte.

FACEBOOK

Su Facebook i numeri di Modi sono ancora più impressionanti. 12.622.178 è il totale dei like raccolti dalla sua pagina fan. Alto anche il numero dei “ne parlano” (che calcola l’attitudine di una pagina a sviluppare il dibattito su Fb): 1.519.538. Quasi 1 milione di “mi piace” sono stati raccolti con i post pubblicati negli ultimi tre giorni.

YOUTUBE

Il canale ufficiale di Modi è particolarmente curato e frequentato dagli utenti. Gli iscritti sono 134.005 a fronte di 30 video caricati. Curiosità: l’attenzione di Modi per i social media è tale che il suo staff ha deciso di realizzare una clip in cui mostrare agli utenti come trovarlo sulle nuove piattaforme di comunicazione (287.836).

analisi svolta dal 5 all’11 aprile 2014

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply