Dal web alle urne: il #CaosRoma fa perdere voti al M5S

raggi-dimaio-2-755x515

Prima il crollo della web reputation, poi quello nei sondaggi: il M5S alle prese con un forte calo di consenso 

di Guido Petrangeli
Non sembrano destinate ad arrestarsi le polemiche sul Movimento 5 stelle. Le vicende romane, legate alla giunta Raggi, stanno mettendo a dura prova la scorza di alcuni personaggi del movimento. Tra questi ci sono sicuramente Virginia Raggi e Luigi Di Maio. Al centro del dibattito pubblico per giorni i due si sono ritrovati nel mezzo di una vera e propria “bufera online”.

#XFactor10: nuovi giudici bocciati dal web, flop di Soler e Agnelli

xf10

 

Impietoso il confronto con Elio e Mika. Fedez unica certezza. Arisa la speranza (sui social va meglio di Skin)

di Luca La Mantia

La decima stagione di X Factor Italia è ai nastri di partenza. Da stasera centinaia di giovani talenti si sfideranno per trionfare in un talent diventato, per il pubblico al seguito e per interesse delle case discografiche, più importante del Festival di Sanremo. L’edizione di quest’anno si presenta come rivoluzionata con il format che ha visto cambiare 3 dei 4 giudici protagonisti del fortunatissimo n.9. La popolarità di XF Italia resta altissima: su Twitter il programma ha raggiunto i 918.562 follower, mentre su Facebook ha toccato quota 1.063.744.

La web star Luigi di Maio alle prese con un calo della reputazione online

image

Le vicende romane degli ultimi giorni hanno visto alcuni leader del movimento 5 stelle al centro di vere e proprie bufere “online”: cala il consenso di Di Maio sulla rete

di Guido Petrangeli

La prima a cadere è stata Virginia Raggi travolta su Twitter da una valanga di messaggi negativi dopo le dimissioni di pezzi importanti della sua giunta. Mercoledì 7 settembre è toccato invece a Lugi Di Maio fare i conti con un web che schiumava di rabbia. In quel giorno scoppiava il caso “mail” sui principali media online: Di Maio sapeva delle indagini sulla Muraro e in poche ore il veniva travolto da fiume di “sentiment” negativa.

La carica degli websquadristi

websquadrista

Fenomenologia della dittatura digitale

di Luca La Mantia

Il racconto del web è quello della realtà che passa dal piano sensibile a quello digitale. Una mission che questo portale ha fatto propria sin dal giorno in cui è stato fondato. E’ una rivoluzione di cui siamo testimoni, che ci esalta e ci porta a immaginare orizzonti non ancora raggiunti. E tuttavia nessuna traslazione potrebbe dirsi completa se non portasse seco anche gli aspetti più degradanti della società.

Caos Roma: Raggi e il Movimento 5 stelle perdono consenso sul web

Virginia-Raggi

Le vicende romane mettono a dura prova il Movimento 5 stelle: su Twitter una valanga di messaggi negativi contro la Raggi, su Facebook Grillo non coinvolge più

di Guido Petrangeli

Un nuova tegola è caduta sulla giunta di Virginia Raggi: l’assessore all’Ambiente Paola Muraro risulta indagata dalla Procura di Roma per abuso d’ufficio e violazioni ambientali. L’indagine della procura sulla Muraro, arrivate dopo le dimissioni dell’assessore al bilancio e del capo di gabinetto della Raggi, non sono il primo ostacolo incontrato dal Movimento 5 stelle. Mesi fa vicende scottanti come il caso Quarto ed il dibattito sulle Unioni Civili hanno visto i 5 stelle al centro di vere e proprie bufere mediatiche. Su questi fronti scomodi però veniva lanciata da Grillo  una strategia comunicativa incentrata sul web dove l’opinione pubblica digitale sembrava respingere le critiche al m5s per rovesciarle contro il nemico di sempre: il pd. Gli ultimi casi ci raccontano di uno scenario diverso. Questa volta sembra che i polveroni alzati negli ultimi giorni abbiamo fatto breccia in quel fortino di consenso che è da sempre il web per il Movimento 5 stelle.

Dimissioni Comune di Roma: Virginia Raggi travolta su Twitter e sul web

raggi

‘Caos Roma’ diventa uno degli argomenti più associati alla Raggi: anche il “raggiomagico” e Di Maio finiscono nel mirino del web

di Guido Petrangeli

Una raffica di dimissioni manda in frantumi la squadra voluta da Virginia Raggi per il Comune di Roma. A circa 70 giorni dall’insediamento al Campidoglio la prima sindaca donna della Capitale si trova ad affrontare una vera e propria crisi: sotto la pressione mediatica per i maxi stipendi lasciano infatti il capo di gabinetto, l’assessore al Bilancio e due importanti dirigenti di Ama e Atac. Una crisi politica ma anche mediatica dunque, dove sul web il consenso ottenuto dalla Raggi per la sua elezione sembra un ricordo lontano.

Usa 2016: Hillary Clinton sfonda sul web grazie a Michelle Obama

Clinton1

La first Lady Michelle Obama popolarissima su Facebooke Twitter promuove sul web la candidatura di Hillary Clinton

di Guido Petrangeli

Non è iniziata certo con i migliori auspici la convention democratica di Philadelhia. Appena Bernie Sanders ha finito di lanciare l’endorsment verso Hillary, i delegati democratici hanno iniziato a fischiare e urlare: “Vogliamo Bernie, Vogliamo Bernie”. Solo con l’intervento di altre star democratiche, una su tutte Michelle Obama, è stato possibile ricreare un clima di serenità e unità in quel di Philadelphia. Anche sul web abbiamo rilevato come l’appoggio di impotanti influencer democratici abbia garantito una buona dose di popolarità alla Clinton

Convention di Cleveland: Donald Trump sfonda su web e social network

donald-trump21x

Donald Trump nel giorno dell’investitura a candidato repubblicano supera Hillary Clinton su Facebook e Twitter

di Guido Petrangeli

L’investitura ufficiale come candidato dei repubblicani è avvenuta alla convention di Cleveland. Qui, nello stato dell’Ohio, Donald Trump ha aperto la corsa alla casa Bianca dicendo “Questa convention si svolge mentre l’America è in crisi. La polizia è sotto attacco, il terrorismo minaccia il nostro modello di vita. C’è violenza per le strade, caos nelle nostre comunità”. Poco dopo il suo discorso giornali e agenzie di stampa hanno aperto le prime pagine, dando il via allo sfida tra la Clinton e Trump.

Giunta Raggi bocciata sui social

raggi

 I neo assessori nominati da Virginia Raggi non sfondano sui social: su Facebook e Twitter la loro popolarità è ai minimi termini

di Luca La Mantia e Guido Petrangeli

Alla fine la Giunta targata Virginia Raggi è stata presentata giovedì 7 luglio alla prima riunione del Consiglio comunale di Roma, dopo diversi giorni di incertezze e attese. Il profilo dei neo assessori è di tipo tecnico: molti professionisti e pochi politici. Sarà anche per questo che la giunta è cosi poco popolare sui social network. Su Facebook e Twitter i tecnici scelti dalla Raggi, quando sono presenti, sono praticamente degli sconosciuti.

Altro che #Brexit l’Inghilterra vince #Euro2016 sui social

euro2016

La nazionale guidata da Hogdson è la più popolare su Twitter e Facebook. Secondo posto per la Germania. Azzurri fuori dal podio

di Luca La Mantia e Guido Petrangeli

Anche il calcio è contagiato dalla social mania. In questa analisi abbiamo messo a confronto le 16 finaliste di Euro2016 per capire il livello di popolarità goduto dalle nazionali